Bitcoin

Il prezzo di Bitcoin è „improbabile“ che aumenti in seguito al secondo pagamento di stimoli

Il 22 giugno, il Presidente degli Stati Uniti, Donald J. Trump, ha accennato al fatto che la seconda tornata di pagamenti di stimolo potrebbe essere in corso mentre l’economia statunitense continua a riprendersi dal crollo indotto dalla pandemia. Dopo lo storico disegno di legge di stimolo da 2,2 trilioni di dollari del 27 marzo, molti si aspettavano che il secondo assegno di stimolo avrebbe avuto un impatto positivo anche sul prezzo della Bitcoin.

Jay Hao di OKEx crede in questa storia

Jay Hao di OKEx crede in questa storia, e l’amministratore delegato suggerisce che l’imminente pagamento degli stimoli potrebbe innescare il prossimo rally del prezzo del Bitcoin.

In un recente post, Hao ha rivelato che dopo il primo controllo degli stimoli a marzo, il Bitcoin Profit è aumentato di quasi il 58%. Poiché i pagamenti sono pagamenti in contanti a privati e piccole imprese, Hao ritiene che le istituzioni e il commercio al dettaglio sosterranno le unità di supporto per il rialzo dei prezzi del Bitcoin nelle prossime settimane.

Prendendo l’esempio dell’investimento totale di Grayscale in Bitcoin nel 2020, Hao ha evidenziato che l’accumulo dell’azienda si è tradotto direttamente nel rapido tasso di adozione del Bitcoin da parte delle istituzioni. Da un punto di vista retail, ha aggiunto,

„La Federal Reserve dimostra inoltre che le banche hanno più denaro contante che mai. Se più denaro affluisce sul mercato portando ad un aumento del denaro detenuto dagli investitori al dettaglio sotto il secondo stimolo, penso che probabilmente utilizzeranno il Bitcoin come investimento alternativo“.

Queste ipotesi sono corrette rispetto al Bitcoin?

A marzo, quando Brian Armstrong, CEO di Coinbase, aveva riferito che i depositi del valore di 1200 dollari (valore di controllo dello stimolo) per il Bitcoin erano esplosi sul mercato in seguito allo stimolo, molti comprarono la storia che gli americani stavano acquistando nel Bitcoin attraverso i loro soldi dello stimolo.

Quindi, da un punto di vista teorico, il commento di Hao ha perfettamente senso. In pratica, però, questo potrebbe non accadere con il secondo stimolo.

È importante capire che durante il primo stimolo, l’intero panorama economico era in grave pericolo, mentre si stava nutrendo della possibilità di una recessione. Anche se il tappo del mercato Bitcoin si è ripreso prima del mercato azionario, non è stato dovuto allo stimolo.

Non ci sono dati concreti su quante persone hanno investito il loro stimolo nel Bitcoin, ma se un numero significativo di persone lo avesse fatto, il tetto di mercato del Bitcoin sarebbe drasticamente migliorato. Il 10% dello stimolo avrebbe spinto il tetto di mercato del Bitcoin verso l’alto di 300 miliardi di dollari.

Dal momento che un tale scenario non ha funzionato all’epoca, è improbabile che si sviluppi con gli stimoli imminenti. Infatti, la maggioranza della popolazione preferirebbe mantenere liquido il proprio stimolo di capitale, piuttosto che investire in attività ad alto rischio come il Bitcoin.

Inoltre, con la stabilizzazione dei mercati tradizionali, la gente sarà più propensa ad investire in veicoli di investimento a basso rischio.

Pertanto, è altamente improbabile che i pagamenti di stimolo guidino il prezzo della Bitcoin al momento, considerando il fatto che i movimenti del cripto-asset non sono stati indicativi di un trend rialzista dall’inizio di giugno.